I ricordi erano una sorgente che avevo trovato spostando mucchi di foglie, una sorgente che finalmente rispecchiava la volta celeste

— Yukio Mishima

VALENTINA SEMPRINI

C’è qualcosa di affascinante nell’irreplicabilità di ogni opera, nel gesto della stampa unica, nella sua contingenza del qui e ora